Pubblicato in: Movimento 5 Stelle

Avremmo dovuto fare la rivoluzione. (Parte prima).

Oggi, politicamente parlando, è una delle giornate piu’ tristi e dolorose della mia vita.

Oggi sono formalmente uscita dal mio gruppo locale, ho lasciato la piattaforma Rousseau e presentato le dimissioni da Organizer del Meetup, uscendo di fatto dall’Associazione M5S.

Tutto questo perché non mi riconosco più nelle strategie e nella visione politica che i vertici Nazionali hanno realizzato pur di andare “a tutti i costi” al governo e non mi riconosco più neanche nel mio gruppo locale, che ha deciso di accettare questa deriva.

Per prima cosa, il passaggio in fretta e furia all’Associazione.

Poi già con le Parlamentarie qualcosa non aveva funzionato, ma non era la prima volta che la piattaforma presentasse problemi. E’ autofinanziata e ci lavorano tre o quattro persone, ci sta che non sia il top. Non va proprio bene, ma non è neanche una catastrofe, col tempo migliorerà. I problemi seri hanno cominciato a delinearsi con la mancata presenza in lista di molte persone, seppur in regola con i documenti e la presentazione della candidatura: nonostante si votasse online e quindi non ci fosse nessun bisogno di troppe scremature preventive, molti sono stati “epurati” senza una spiegazione, anzi, forse era meglio del tutto “senza” perché le motivazioni ufficiali sono state offensive e puerili, tanto che qualcuno, risentito, ha sporto denuncia per diffamazione. Poi e’ arrivato il peggio, almeno qui in Toscana dove vivo io. Mi auguro che nel resto d’Italia non sia così e le cose vadano meglio, e si tratti di poche mele marce. Ma non c’è stata ad oggi nessuna riposta da Roma, quindi purtroppo temo che la cosa sia diffusa e avallata.

Il peggio si è manifestato nel non avere in tempi ragionevoli i voti delle Parlamentarie e nello scoprire che le liste erano state fatte da dei “referenti regionali” che hanno fatto in modo di eliminare gli attivisti poco graditi e mettere i propri fedelissimi. Chi ci da’ quindi la certezza che i voti siano veri?

Il peggio del peggio è arrivato con gli uninominali, imposti dai vertici senza nessuna discussione con la base e soprattutto rappresentati da persone provenienti da altri partiti, che nulla hanno a che fare con noi e le nostre battaglie, che ci sono stati venduti come personaggi “supercompetenti” e necessari. In poche parole hanno dato a tutti noi attivisti dei cretini, i competenti vanno tutti presi dagli altri partiti (in cambio di cosa? Non è dato saperlo) e soprattutto decidono i vertici e voi dovete obbedire e farvelo andare bene. Come in effetti fanno negli altri partiti.

Peccato che noi eravamo il Movimento 5 Stelle, e “gli altri partiti” avremmo dovuto combatterli e migliorarli. Invece siamo diventati peggio di loro.

I Parlamentari, nati come portavoce, si sono trasformati o in piccoli capetti locali che si sentono forti di poter anche minacciare gli attivisti di ritorsioni se non “obbediscono”, o in soldatini docili ed ubbidienti che pensano solo alla rielezione e accettano in silenzio qualsiasi deriva venga propinata dai vertici. Si sono creati cerchi magici, lotte per la visibilità ed un briciolo di potere, delazioni per far fuori gli avversari “scomodi”, persone a cui anche le peggiori scorrettezze sono concesse perché “amiche di” e semplici attivisti segati perché “non amici di”…tutto ciò che non avremmo mai dovuto essere.

I territori, che avrebbero dovuto essere il cuore pulsante del Movimento, non vengono neanche più interpellati, le decisioni vengono calate dall’alto e non vanno discusse. Bisogna andare al Governo, quindi tutti piccoli soldati e guai a dissentire.

Non so cosa sia questa cosa, ma di una cosa sono certa: non è il Movimento 5 Stelle, ed io non ne faccio più parte.

 

Un pensiero riguardo “Avremmo dovuto fare la rivoluzione. (Parte prima).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...